AMCI sez. di Milano: DA DOVE RINASCE LA SPERANZA: da Nagasaki al mondo!

Carissimi

vi inoltro il caso di questo medico radiologo di Nagasaki, morto nel 1951 per leucemia contratta per le radiazioni e aggravatasi dopo lo scoppio della bomba. All'epoca c'era stato un carteggio con AMCI e tra gli allegati c'è una lettera a firma di Gedda e Maltarello + una foto di una Madonna donata dall'AMCI e tuttora a Nagasaki.

Nel 1942, dopo l'apertura della Santa Sede e i legami col Giappone, insieme ad altri 2 colleghi avrebbe fondato i medici cattolici giapponesi.

L'interesse sul caso è gestito dai ciellini di Medicina e Persona che credo l'abbiano portato al Meeting, ed ora stanno muovendosi per istruire una causa di beatificazione.

L'11 novembre hanno organizzato un incontro a Milano, anche col Card. Scola . Penso che la nostra associazione debba quantomeno saperlo, e non solo.

Un caro saluto.

Alberto Cozzi

Presidente AMCI sez. di Milano

Altri articoli...