22Agosto2017

Download this file (BATTIMELLI La Città di Salerno 4 luglio 2017[1].pdf)

AMCI : Speciale sul caso Charlie Gard

Londra. Il lungo addio a Charlie. «Dormi bene piccolo angelo»

Mentre sul web si moltiplicano espressioni di vicinanza ai genitori. «Connie e Chris lotteranno perché altri bimbi non soffrano»: il fondo raccolto di 1 milione e 350mila sterline servirà ad altri neonati

 
E  proprio in questi giorni ci è giunto un nuovo intervento di Ojetti che siamo lieti di allegare

 

In allegato anche  i precedenti  interventi di Ojetti, Battimelli e di mons. Galantino (qui sotto)


Sono ore di ansia per i genitori del piccolo Charlie Gard, ma anche per tutti noi e, oserei dire anche per  tutto il mondo, in attesa delle decisioni dell'Alta Corte di Londra.

E intanto  già si conosce anche  il nome dello specialista che dovrebbe avere in cura il piccolo Charlie, se l'Alta Corte di Londra dovesse dare il via libera (come sembrerebbe probabile) alla nucleoside therapy, l’ormai famosa terapia sperimentale, che i genitori del bambino chiedono da tempo per curare il  figlio di nemmeno un anno.

Nell’udienza di venerdì 14 luglio il giudice Nicholas Francis ha deciso di rimuovere l'ordine che proteggeva l'identità del neurologo statunitense. Questi, in video-collegamento con il giudice, nell’udienza del giorno prima aveva affermato che la terapia ha il 10% di possibilità di migliorare in modo significativo le condizioni del piccolo di undici mesi affetto da una rarissima disfunzione del mitocondrio e il 56% quantomeno di farlo sopravvivere a questa malattia letale.

L'AMCI ha predisposto uno speciale approfondimento sul caso di Carlie e quindi, oltre  al parere di mons. Galantino (Segretario Generale  CEI) abbiamo pensato di allegare anche due interessanti contributi dei nostri Vice Presidenti Nazionali AMCI Stefano Ojetti e Giuseppe Battimelli

                                                                                                          F.  B.

 _________________________________________________________________

 

Mons.  N. Galantino, “Ascoltiamo l’appello dei genitori!”

13 luglio 2017 -  AGENZIA SIR

 

“Bisogna dare ascolto ai genitori”. Lo ha detto mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei,

“A me ha colpito molto – ha rivelato ai giornalisti – l’appello della mamma che ha chiesto al giudice cosa avrebbe fatto se fosse stato suo figlio”.

“Nella nostra società – ha fatto notare il vescovo mentre l’Alta Corte inglese sta nuovamente prendendo in considerazione in queste ore il caso del piccolo Charlie – invochiamo la volontà dei genitori quando questo conviene a un certo tipo di cultura, li ignoriamo quando vanno in una direzione culturale opposta”. 

Ed  il suo appello finale è: "Diamo loro ascolto!”